VERTICE DI MAGGIORANZA SUL MES "DECIDERÀ IL PARLAMENTO"


ROMA (ITALPRESS) - Nel Governo ci sono ancora posizioni diverse sulla riforma del Meccanismo Europeo di Stabilita', il cosiddetto Fondo Salva Stati. La decisione definitiva arrivera' solo in occasione del voto di Camera e Senato il prossimo 11 dicembre, quando si svolgeranno le consuete comunicazioni del presidente del Consiglio Giuseppe Conte in vista del Consiglio europeo che si terra' nei due giorni successivi. Questo l'esito del vertice di maggioranza che si e' concluso in nottata, e al quale erano presenti tra gli altri il premier Conte, il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, il ministro degli Esteri e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, il ministro per i Beni Culturali e capo delegazione del Pd nel Governo, Dario Franceschini, e il ministro della Salute Roberto Speranza (Leu). Era assente la delegazione di Italia Viva.

Al termine del vertice, Di Maio ha parlato di "confronto civile e costruttivo" con il Pd, e ha chiarito: "Nulla si decidera' finche' non si arrivera' in Parlamento quando il presidente del Consiglio verra' a riferire e si dovra' approvare una risoluzione".

"Abbiamo dato un mandato molto forte al ministro Gualtieri a trattare e rappresentare gli interessi nazionali sia sulla parte che riguarda l'unione bancaria sia sui miglioramenti del Mes", ha spiegato Franceschini, confermando che "sara' il Parlamento a dare delle linee di indirizzo con una risoluzione che dovra' ratificare il lavoro fatto fino ad allora".

Oggi alle 13 alla Camera e alle 15.30 al Senato il premier Conte terra' un'informativa urgente proprio sulla riforma del Mes.

(ITALPRESS).

sat/red

02-Dic-19 09:04